PAGAMENTI con CARTE, PAYPAL o CONTRASSEGNO

ORDINI anche per telefono 051.0828948

PRODOTTO in ITALIA (Toscana)

Integratore notificato al MINISTERO della SALUTE

Proprietà del riso rosso fermentato

Il roso rosso fermentato è riso comune (Oryza sativa) sottoposto a un processo di fermentazione che fa assumere ai chicchi una colorazione rossastra.

La sua componente principale è l’amido (75%), ma i principi attivi più importanti a fini fitoterapici sono le monacoline.

Nel riso rosso fermentato sono presenti almeno 10 diverse monacoline, ma la più importante è la monacolina k.

Che cos’è la monacolina k?

La monacolina k è il principio attivo più importante del riso rosso fermentato, per le sue benefiche proprietà.

Ricerche scientifiche hanno messo in evidenza che la struttura della monacolina k è chimicamente simile a quelle delle statine di sintesi, anche se risulta molto meglio tollerata di queste ultime.

Questo principio attivo può essere molto utile per mantenere regolari livelli di colesterolo nel sangue. Per sfruttare questi benefici, l’EFSA e il Ministero della Salute Italiano hanno stabilito sia bene assumere giornalmente almeno 10 mg di monacolina k.

Dosi inferiori di principio attivo non consentono infatti di avere reali benefici da un integratore di riso rosso fermentato.

La dose giornaliera (1 pastiglia) di RISO ROSSO  FERMENTATO Pure&Natural mettono infatti a disposizione 10 mg di monacolina k, e 10 mg di coenzima Q10, per un effetto sinergico e una maggiore efficacia.

icona-foglie-pn
Gli integratori non sono sostituti di una vita sana. I risultati possono essere condizionati da vari fattori e variare da persona a persona.

FAQ – Domande Frequenti

Il riso rosso fermentato può essere assunto in qualsiasi momento della giornata, attendendosi alle dosi consigliate sulle confezioni del prodotto.
L’utilizzo di riso rosso fermentato negli integratori alimentari è approvato dal Ministero della Salute Italiano. È però sconsigliata la sua assunzione in gravidanza e allattamento e se si stanno seguendo terapie con farmaci ipolipidemizzanti. È bene sentire il parere del medico in caso di uso prolungato.